Terrorismo, Gentiloni: "Non ripeteremo errori fatti in Iraq"

ROMA - Parlando ad Agorà su Rai Tre, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha affrontato i temi dell’intervento in Siria e dello stato di allerta in Italia, dove la vigilanza è stata rafforzata per prevenire gli attacchi terroristici in seguito agli attentati che venerdì scorso hanno interessato la Francia. Il ministro ha precisato: “Nessuno metterà gli scarponi in Siria: né Hollande, né Obama, né noi. Noi siamo pronti ad aiutare i nostri fratelli francesi ma né noi, né loro, né gli americani faremo spedizioni in Siria. Non credo che la Francia manderà corpi di spedizione in Siria. Siamo tutti consapevoli, Francia inclusa perché la Francia fa parte del gruppo che sta lavorando su questo, che la via di uscita dalla crisi siriana è una via di uscita di natura politica. Non abbiamo bisogno di ripetere gli errori che abbiamo fatto per esempio in Iraq o in Libia”. Il ministro, quanto alla natura del contributo italiano chiesto dalla Francia, ha spiegato che i ministri della Difesa italiano e francese si incontreranno dopodomani per discutere la questione. “Credo che l'incontro o il colloquio sarà dopodomani tra i due ministri della Difesa, vedremo quali saranno le richieste specifiche: noi siamo pronti ad aiutare i nostri fratelli francesi, vedremo in che termini loro ci chiederanno di collaborare”, ha spiegato Gentiloni. In seguito, analizzando il livello di allarme e le indicazioni fornite dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza americano ai turisti Usa nel Paese, il ministro ha affermato: “Le forze di sicurezza italiane stanno lavorando da ieri pomeriggio per identificare i cinque nominativi di persone sospette forniti dall'Fbi. Credo che il ministro degli Interni abbia spiegato più volte che siamo a livelli di allerta molto elevata in generale nei grandi luoghi simbolici, nei luoghi di incontro, dagli stadi alle cattedrali a San Pietro in modo particolare, che sono stati tra l'altro anche indicati ieri dall'Fbi. Le segnalazioni di allarme noi le prendiamo sempre sul serio, le prendiamo sul serio soprattutto nel caso degli Stati Uniti”. Tuttavia, il ministro ha precisato: “Ripeto: primo, non dobbiamo essere prigionieri di questo allarme perché sarebbe un regalo al Daesh; secondo, l'allarme in Italia c'è, non c'è nessun Paese europeo che può sentirsi escluso da questa dinamica. Lo stesso avviso che ha pubblicato l'ambasciata americana, per capirci in termini tecnici , non è un invito a non andare in Italia, è una raccomandazione ai turisti americani che vengono in Italia ad essere particolarmente attenti in alcuni luoghi, in alcune zone. E questo, dal punto di vista di come gli americani trattano queste vicende fa la differenza: una cosa è quella che loro chiamano 'travel alert' e un'altra è quella che loro chiamano 'advisory note'. Un conto è 'non devi andare in quel Paese', un altro conto è 'vai in quel Paese, ma ti raccomando di essere attento in alcune zone simboliche'”.

Napoli, a Verona è emergenza attacco -VIDEO

Maledette nazionali; Sono due i calciatori azzurri usciti malconci da questi due impegni infrasettimanali. Dries Martens e Manolo Gabbiadini. Il primo non è neanche sceso in campo, e su come si sia infortunato resta ancora una giallo da spiegare.  La diagnosi parla di un edema post traumatico migrato nella zona posteriore bassa della coscia sinistra. Sette, dieci giorni di recupero, il calciatore resta in fortissimo dubbio per la gara contro l’Inter. Indisponibile anche Gabbiadini; nei venti minuti finali giocati con la nazionale italiana nella gara disputata contro la Romania, dopo aver messo a segno  anche una rete è stato costretto ad uscire claudicante. La risonanza magnetica a cui si è sottoposto il calciatore ha dato esito positivo: per lui trauma distorsivo con trauma contusivo  della spongiosa ossea della caviglia destra. Che tradotto in giorni di recupero significa almeno una settimana di riposo con adeguate terapie. Gabbiadini, che ad ore diventerà papà, non potrà dunque esserci a Verona e anche nell’impegno di Europa League. Manolo potrebbe ritornare a disposizione contro l’Inter, ma anche questa ipotesi è tutto da verificare. Dunque è emergenza attacco in casa Napoli che a Verona, ai titolarissimi, non potrà affiancare un’adeguata panchina. Chiamato agli straordinari Higuain, anche lui uscito leggermente acciaccato dalle due gara con l’Argentina, ma certo disponibile; L’argentino dovrà giocare altre tre gare di seguito tra campionato ed Europa League. Sarri si è detto fiducioso, lavora sull’aspetto difensivo e soprattutto sulle motivazioni che questa squadra dovrà trovare anche domenica in una trasferta che si annuncia difficile e soprattutto insidiosa.

Traffico di gasolio di contrabbando, blitz della GdF

TORRE ANNUNZIATA - Scoperto e sottoposto a sequestro, in quel di Torre Annunziata, un deposito abusivo di gasolio di contrabbando. L’operazione è stata condotta dal gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata, nell’ambito del contrasto ai fenomeni illeciti nel settore del contrabbando di prodotti energetici sottoposti ad accisa e nell’ottica della tutela del gettito all’erario. In particolare, i militari, a seguito di una mirata attività investigativa, hanno bloccato un’autovettura, opportunamente modificata per il trasporto del prodotto illegale, che aveva appena effettuato il travaso di gasolio, a mezzo di un’elettropompa, all’interno di quattro cisterne, non interrate, poste in un locale adibito a deposito e situato a poche centinaia di metri dal porto oplontino. Alla vista delle Fiamme Gialle, il conducente dell’auto si è dato alla fuga, dileguandosi nei vicoli circostanti. Dalle successive indagini, l’uomo è stato identificato ed è stato accertato che le 4 cisterne, della capacità di mille litri cadauna, contenevano complessivamente 1.300 litri di gasolio di contrabbando. Dopo la denuncia a piede libero, alla competente autorità giudiziaria, sia del conducente della vettura che del responsabile del deposito abusivo, sono stati sottoposti a sequestro il deposito stesso, con il relativo gasolio di contrabbando, due elettropompe e l’autovettura modificata utilizzata per il trasporto illecito.

Casalesi, esce dal carcere un fedelissimo di Setola

CASAL DI PRINCIPE - Fedelissimo dell’ex capo dell’ala stragista del clan dei Casalesi, Giuseppe Setola, l’italo-americano John Perham Loran è stato scarcerato. Il 41enne, figlio di un ufficiale statunitense in servizio alla Nato e di madre casertana, fu arrestato, si ricorderà, in quel di Mignano Montelungo dove aveva trovato rifugio lo stesso Setola. La decisione è arrivata dalla Suprema Corte di Cassazione, per decorrenza dei termini di custodia cautelare. Loran era stato condannato, in primo grado, a 5 anni di carcere con l’accusa di associazione mafiosa, concorso in omicidio ed estorsione. In particolare, come accertato dalle indagini, l’italo-americano aveva preso parte, materialmente, all’omicidio di Raffaele Granata, titolare del lido “La Fiorente” di Varcaturo; omicidio risalente all’11 luglio del 2008. In secondo grado, invece, la terza sezione penale lo ha condannato a 18 anni di carcere, con 3 anni di sorveglianza dopo aver scontato la pena. In terzo grado, invece, la Suprema Corte ha deciso di annullare i precedenti verdetti e rimandare tutto ad un’altra sezione della Corte d’Appello. Per effetto di tale decisione della Cassazione, in attesa che venga rifatto il processo, in virtù della decorrenza dei termini di custodia cautelare, l’italo-americano è tornato libero e ha fatto rientro nella sua abitazione del Litorale Domitio. Sgomento e rabbia da parte dei familiari delle vittime uccise dalla camorra, i quali hanno intenzione di rivolgersi alla Corte Europea.

Terrorismo, Fbi lancia allerta per Milano e Roma

ROMA - In seguito agli attentati di Parigi, la sicurezza in Italia era già stata rafforzata, ma ora è necessario intensificare ulteriormente le attività di sorveglianza, dal momento che l’Fbi ha segnalato la possibilità che l’Isis attacchi luoghi che ogni giorno ospitano numerosi turisti e utenti, come la basilica di San Pietro a Roma, il Duomo e la Scala di Milano. L’allerta sarebbe massima anche per i palazzi i rappresentanza diplomatica degli Usa a Roma e per gli americani in Italia. I servizi segreti, inoltre, hanno reso noti alle autorità del nostro Paese i nomi di cinque potenziali terroristi che potrebbero trovarsi già in Italia. Le informazioni fornite dall’Fbi sono state confermate anche dalla Dea, la nota Agenzia federale antidroga, facendo scattare immediatamente la massima allerta, sebbene si tratti di indicazioni generiche, senza alcuna precisazione temporale, nessun riferimento a progetti specifici, né segnali diretti di minacce concrete per il Paese. Tuttavia, le indagini proseguiranno anche nei prossimi giorni, soprattutto per rintracciare i cinque sospetti segnalati dall’Fbi e dalla Dea, anche se i primi riscontri delle autorità italiane relativi alla loro presenza nel Paese avrebbero dato esito negativo. A seguito dell’avvertimento lanciato dagli Usa, il Dipartimento di Pubblica Sicurezza ha invitato i questori di Milano e Roma ad intensificare i controlli nelle città, anche se il livello di allerta è già passato al grado 2, quello che precede l’allerta massima, caratteristica delle situazioni in cui si subisce un attacco terroristico. In particolare, le autorità del Paese si stanno concentrando sulla vigilanza e la sicurezza nei luoghi di culto e di aggregazione. Sono stati disposti anche dei posti di blocco aggiuntivi, per incrementare i controlli a persone o veicoli sospetti. Intanto, l’ambasciata degli Stati Uniti a Roma ha pubblicato un comunicato sul proprio sito internet, in cui ha scritto: “Gruppi terroristici potrebbero eventualmente utilizzare metodi usati nei recenti attacchi a Parigi. Le autorità italiane sono consapevoli di queste minacce”.

D’Urso, per il nuovo decreto ministeriale necessarie soluzioni condivise

NAPOLI – “Il decreto ministeriale sui compensi degli amministratori giudiziari che entrerà in vigore tra pochi giorni si attendeva dal 1982, però purtroppo non possiamo dire che soddisfi le aspettative. Le prime simulazioni inducono a conclusioni che individuano una forbice troppo vasta tra il compenso previsto per un’azienda di piccole dimensioni ed un compenso eccessivamente alto per aziende con patrimoni vasti. Ritengo necessario arrivare ad uno statuto applicativo condiviso, in maniera da #IMMAGINE#evitare ciò che si è verificato negli ultimi decenni e creare situazioni che l’utenza non potrebbe capire”. Lo ha detto Bruno D’Urso, presidente aggiunto sezione GIP del Tribunale di Napoli, nel corso del forum “La liquidazione dei compensi dell’amministratore giudiziario: prospettive e limitazioni” che si è tenuto presso l’Odcec di Napoli, presieduto da Vincenzo Moretta.“Crediamo che il nuovo decreto sui compensi ruolo penalizzi gli amministratori giudiziari. Aver equiparato l’attività di amministratore giudiziario a quella del curatore fallimentare è un errore per il semplice fatto che il primo ha il compito di gestire i beni sottoposti al procedimento ablativo, il secondo di liquidare l’attivo per soddisfare i creditori – ha sostenuto Arcangelo Sessa, consigliere dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli -. Purtroppo questo provvedimento è già nato nel modo sbagliato, essendo il frutto di mancanza di condivisione con i rappresentanti delle categorie professionali di riferimento, ovvero dottori commercialisti e avvocati”.Secondo Pietro Luca Bevilacqua, presidente Commissione di Studio di Diritto penale dell’Economia dell’Odcec Napoli, “l’amministratore giudiziario quasi nella totalità dei casi amministra e custodisce grandi compensi aziendali, spesso in contesti criminali, nell’ottica di valorizzare gli stessi. I criteri nella determinazione dei compensi non sono in linea con le attività concretamente svolte e con i tempi della giustizia e risultano prevalentemente inadeguati”."Nel corso del dibattito in aula sul DDL di riforma del codice antimafia - ha evidenziato Domenico Posca, presidente onorario Istituto Nazionale Amministratori Giudiziari. -  è stato nuovamente inserito l’illogico limite quantitativo agli incarichi di amministratore giudiziario che il mese scorso la commissione giustizia aveva eliminato (emendamento Bindi 4.1). Una norma definita ammazza amministratori, uscita dalla porta e rientrata dalla finestra, nel corso dell’ultimo giorno di dibattito in aula con l’emendamento 0.13.25.1 che fissa un limite di tre incarichi aziendali. Dovremmo chiederci se è giusto legiferare sull’onda emotiva e giustizialista di un caso sporadico. Ora confidiamo nella saggezza dei senatori".

Pagine

Subscribe to NapoliSingle RSS